Thursday, Apr. 19, 2018

La prima domenica del mese musei gratis

Written By:

|

ottobre 29, 2014

|

Posted In:

La prima domenica del mese musei gratis
"image1Riavvicinarsi alla bellezza culturale del nostro patrimonio è un'occasione che dobbiamo dare a tutti gli italiani". Questa frase del ministro Franceschini lascia intendere la sua policy nella gestione dei nostri beni culturali: niente categorie speciali a cui riservare biglietti gratuiti, ma ingresso libero per tutti solo la prima domenica del mese. Dallo scorso 15 luglio -data in cui è entrato in vigore il decreto 94- infatti, il nuovo sistema tariffario abolisce la gratuità per gli over65. 
Una decisione che si ripercuote nelle cifre dei visitatori paganti (+7% rispetto al 2013) e del 6,6% degli incassi. Le porte aperte hanno sicuramente motivato anche le 130mila persone che hanno incrementato gli ingressi gratuiti del +3%. Soprattutto al Colosseo, agli scavi di Pompei e agli Uffizi di Firenze che si sono classificati come i tre siti più visitati del 2013, seguiti da Galleria dell'Accademia e Castel Sant'Angelo. Franceschini

Domenica 2 novembre si ripete l'iniziativa #domenicaalmuseo, la prima applicazione della norma del decreto Franceschini -in vigore dal primo luglio 2014- che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato, "inclusi, in assenza di un percorso espositivo separato e di un biglietto distinto, gli spazi in cui sono allestite mostre o esposizioni temporanee". 

G.C.

www.mibact.it

 

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

News

Agenzie di stampa, giornali, radio e tv non ignorano certo il tema della bellezza. La moda è sempre in primo piano, essendo un asset importante per il Paese. Anche il turismo nelle città d’arte gode di una buona copertura mediatica. Noi vogliamo, però, raccontare tutti gli aspetti e gli esempi dell’Italia migliore: quelli che fanno crescere il pil, ma anche quelli che fanno crescere il Paese facendolo uscire dal pessimismo e dallo sconforto perché sono esempi positivi di gente che non si arrende e non rinuncia. Segnalateceli a: news@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *