Wednesday, Nov. 21, 2018

La Pittura al servizio della Parola in mostra ad Assisi

Written By:

|

aprile 26, 2013

|

Posted In:

La Pittura al servizio della Parola in mostra ad Assisi

Fino al 18 agosto 2013 Dalì, Chagall, Rembrandt, Paladino, Dürer, Chia e altri artisti, sono i protagonisti degli spazi espositivi del Museo della Proziuncola di Assisi. In occasione della mostra “Dalla Parola, l’Immagine. L’Arte che legge la Bibbia”, allestita presso la Galleria d’Arte Contemporanea Pro Civitate Christiana, gli artisti contemporanei “raccontano” il rapporto che intercorre da sempre tra la Scrittura e l’Arte. La pittura al servizio della Parola per incantare il pubblico, evocando il Mistero attraverso la persuasione estetica. Pittori e scultori trasferiscono nelle loro opere, su tela e su pietra, le storie e i personaggi della Bibbia e del Vangelo; così, tra le prestigiose esposizioni: il ciclo completo del “Miserere” di Georges Rouault e l’intera serie grafica della “Storia dell’Esodo” di Marc Chagall che, attraverso un’infinita gamma di colori e sfumature, narra dal momento in cui Mosé viene trovato dalla figlia del faraone fra i giunchi della palude fino all’arrivo nella Terra Promessa. Inoltre, anche la serie dedicata alle “Dodici tribù di Israele” di Salvador Dalì, realizzata con la tecnica dell’acquaforte e la “Piccola Passione Xilografica” di Albrecht Dürer, una serie di 36 xilografie del 1511 ora conservata nel British Museum di Londra, narrano per immagini la vita di Cristo, preceduta da due scene dedicate ai progenitori nell’Eden.

La mostra è stata curata dall’Opera della Porziuncola, con la collaborazione della Galleria della Pro Civitate Christiana, di Art Camù Collezioni d’arte, dell’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI e dell’Associazione “Gli Scritti” di Roma. È nel 1924 che si ha il primo allestimento del Museo della Porziuncola e solo in occasione del Giubileo del 2000, viene rivisitato. Le sale ospitano in successione cronologica le opere che da sempre hanno reso famoso nel mondo il Museo, in particolare il “Crocifisso” di Giunta Pisano (o anche detto Giunta di Capitino, 1236) e il “San Francesco e Angeli” del Maestro di San Francesco (sec. XIII), ma anche opere come la bellissima “Madonna del Latte” (sec. XV), ed opere come l’”Incoronazione della Vergine” di Andrea della Robbia.

Fabio Pariante

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *