Monday, Jul. 16, 2018

In aumento in Italia i giovani imprenditori immigrati

Written By:

|

dicembre 9, 2012

|

Posted In:

In aumento in Italia i giovani imprenditori immigrati

Bello fare impresa in Italia: almeno per gli immigrati, perchè ha il sapore della rivincita. E sono in aumento  i giovani imprenditori immigrati che con l’apertura di  un conto corrente danno vita ad un’attività commerciale. In Italia sono più di 336.000 gli imprenditori ex migranti e la maggior parte sono marocchini, romeni, cinesi, albanesi e bengalesi. Vivono a Milano, Roma, Brescia e Bergamo. I settori trainanti  sono i servizi e il commercio.

Lo stato dell’arte sull’economia creata dagli immigrati nel nostro paese si legge nel rapporto nazionale sull’inclusione finanziaria dei migranti, realizzato dal Cespi, centro di studi di politica internazionale, promosso dall’ Abi, e presentato nel convegno dal titolo “Quando l’integrazione passa anche dallo sportello”.

“Gli imprenditori sono in crescita e sta aumentando la complessità dell’impresa migrante – spiega JoseLuis Rhy-Sausi, direttore del Cespi e autore del rapporto- non abbiamo solo quella individuale, ma anche una  più complessa con dipendenti e maggiori qualità. La maggior parte resta quella individuale e il settore prevalente è il commercio. Questo dato è molto legato alla crisi economica, perché registriamo un alta mortalità dell’impresa, ma anche la nascita di una nuova” conclude Rhy-Sausi.

Buone notizie anche sul tema del risparmio. In un tempo di crisi risparmiare è sempre più difficile, ma gli stranieri ce la fanno e riescono mettere da parte qualcosa per aiutare le proprie famiglie nel paese d’origine. E così il loro risparmio cresce: 7,4 miliardi  di euro sono le rimesse,  cioè la quota di denaro spedita verso i paesi stranieri, nel 2011, con un incremento del 25% rispetto al 2010, secondo i dati forniti dalla Banca d’Italia. Gli immigrati che mandano denaro al loro paese lo fanno spesso attraverso i money transfer, ma quando si tratta di importi superiori a 1.000 euro scelgono la banca e utilizzano i bonifici o le carte di debito ricaricabili, perché gli istituti di credito danno loro più fiducia.

Crescono sempre di più gli stranieri che scelgono di avere un conto presso lo sportello e sono quasi 1, 8 milioni nel 2010: il 70 per cento del totale degli immigrati quindi possiede un deposito. Le principali nazionalità dei titolari di un conto sono Romania, Albania, Marocco e Cina. Si capisce come gli immigrati muovano ricchezza, diventando così futuri clienti per gli istituti bancari. Ed è così che sono sempre di più le persone  che decidono di aprire un conto corrente e non mandare i soldi all’estero, ed è proprio a loro che si rivolgono le banche con prodotti adatti alle loro esigenze.

Giovanni Sabatini, direttore generale dell’Abi, afferma: “ Il rapporto evidenzia una fotografia positiva cioè l’integrazione finanziaria è un processo che sta andando avanti, è  in crescita rispetto alla crisi. E’ un modo per far sì che l’integrazione tra culture si trasformi in una ricchezza per il paese, in termini economici, culturali e di coesione sociale”.

La ricerca rileva che gli stranieri che non posseggono un conto corrente sono il 38 per cento e i motivi più frequenti sono i costi troppo alti,  il non guadagnare  abbastanza e il non averne bisogno.

 Maria Cristina Montagnaro

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *