Monday, Jul. 16, 2018

Il Vaticano scopre la bellezza del rock

Written By:

|

febbraio 8, 2013

|

Posted In:

Il Vaticano scopre la bellezza del rock

 IL gruppo dei The SunIl Vaticano scopre la bellezza del rock, lo porta in aula magna di un’università cattolica e, per la prima volta in assoluto nella storia della Chiesa,  lo usa per aprire l’Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per la Cultura, uno dei più importanti dicasteri vaticani. Che ha visto riuniti in Vaticano per 4 giorni più di 60 esponenti del mondo ecclesiale e della società civile provenienti da tutto il mondo.

L’assemblea  plenaria, dedicata non a caso al tema delle “Culture giovanili emergenti”  si è aperta  infatti mercoledì scorso nell’aula Magna del Giubileo, con l’esibizione del gruppo rock “The Sun”, simbolo eloquente di come l’iniziativa promossa dal cardinale Gianfranco Ravasi, capo del dicastero, veda il Vaticano mettersi in ascolto delle istanze e dei linguaggi delle nuove generazioni comprendendone in pieno la bellezza e la ricchezza.

Per presentare l’insolito concerto il Vaticano ha chiamato Paola Saluzzi che ha messo subito a loro agio gli illustri relatori:  il Rettore Giuseppe Dalla Torr, lo stesso Ravasi e il sociologo e antropologo francese David Le Breton al centro di una tavola rotonda su “Dall’universo al multi-verso, analisi delle culture giovanili”.

Ma chi sono i “The Sun” che hanno fatto innamorare le gerarchie vaticane con la semplicità della loro testimonianza e la bellezza della loro musica? Sono un  gruppo rock italiano formatosi nel 1997 nell’ambito della musica punk. Nel 2008 l’improvvisa svolta sia artistica che di contenuti, con “un taglio più spirituale, solare e diretto”, l’uso della lingua italiana al posto dell’inglese e “un nuovo sound più immediato”, come si legge sul loro sito.

Pur giovanisimi hanno già fatto 13 anni di gavetta, sono approdati a Mtv, vanno all’estero e aprono i concerti dei Cure e degli Offspring. Celebrati su Internet ora sono approdati alla Sony. Si chiamano Francesco (il front-leader), Matteo, Gianluca e Riccardo, tutti tra i 25 e i 30 anni e sono di Vicenza. Al centro del loro impegno c’è la bellezza della fede, la gratitudine senza prediche, in un rock ben suonato ed arrangiato. Sono di Vicenza e si chiamano The Sun, Spiriti del sole.

Intervistati da  Avvenire  hano detto: “ Non siamo cresciuti in parrocchia, siamo arrivati a Dio nel tempo: pure come band. Però quando ci arrivi ti rivoluziona tutto, anche la musica. Non c’è vergogna di credere [..] È vita anche pregare. Forse i big che non osano cantarlo hanno solo paura di perdere il successo. Noi vogliamo segnalare le positività in cui crediamo, fiduciosi in chi ascolta”.  Su Youtube è possibile guardare i loro video.

 Il primo marzo del 2011 la band si è esibita anche a Betlemme per uno speciale concerto per la pace e per l’abbattimento del muro che divide lo stato d’Israele dalla Palestina e l’anno scorso ha suonato alla Giornata Mondiale della Famiglia a Milano. Insomma, un gruppo rock che è entrato, in tutti i sensi, nel cuore del Vaticano, che ha cominciato seriamente a cercare di “sentire – come ha detto il card. Ravasi –  com’é il battito della mente e del cuore dei giovani.  Cliccando qui sotto si può vedere il breve video  realizzato da Claudia Nardi di LumsaNews. VIDEO

Giorgio Marota

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *