Tuesday, Nov. 20, 2018

I Taviani vincono anche il David di Donatello: “Quando il dolore incontra la bellezza dell’arte”

Written By:

|

maggio 7, 2012

|

Posted In:

I Taviani vincono anche il David di Donatello: “Quando il dolore incontra la bellezza dell’arte”

Dopo il trionfo alla Berlinale, il film “Cesare deve morire”, girato con i detenuti di Rebibbia,  fa incetta di premi negli Oscar di casa nostra

I fratelli  Paolo e Vittorio Taviani vincono il David di Donatello 2012 con il film Cesare deve morire e dedicano ai detenuti di Rebibbia, dove il film è stato girato, il loro successo.  E Vittorio, nell’incontro con i giornalisti,  si commuove e dice: «Questo film nasce dal grande dolore di persone che hanno delle colpe e stanno pagando. E stanno cambiando. Il film va incontro a quel dolore e diventa la bellezza dell’arte». Dalla sala s’alza un grande applauso, che va ai Taviani, ma anche alla bellezza di quest’arte che è la cinematografia. Un applauso che unisce tutti, anche gli sconfitti di questa edizione, tutti in prima fila: Moretti, Crialese, Ozpetek, Giordana.

Reduce dalla premiazione con l’Orso d’oro al Festival di Berlino, “Cesare deve moiree” incassa cinque statuettemiglior film, regia, produttore, montaggio, fonico di presa diretta – e premia indirettamente l’attività teatrale all’interno del carcere di Rebibbia, e che ha visto tra i protagonisti detenuti ed ex detenuti. “Dedichiamo la serata ai nostri attori, alcuni dei quali sono ancora in galera”, hanno dichiarano dopo la sfilata sul red carpet. Tra i loro attori, resta scolpita la frase pronunciata da Cassio, interpretato da Cosimo Rega:: «Da quando ho conosciuto l’arte, questa cella è diventata una prigione».

Cesare deve morire” è stato infatti girato interamente tra le mura del carcere romano di Rebibbia e con i detenuti del reparto Alta Sicurezza e racconta la loro messa in scena il “Giulio Cesare” di Shakespeare.

Un bel film, quello dei fratelli Taviani, che tra i tanti meriti – come è stato scritto da più parti – ha quello, non piccolo, di aver acceso una luce, un faro a luce calda, dietro le sbarre di una prigione, luogo di rimozione per l’intera società dove essere “persona” assume un altro significato. Per i detenuti questo film è stato un’occasione importante, un incontro “forte” con la cultura«Se volete che le cose cambino, regalate libri agli istituti penitenziari», hanno detto a proposito dell’emergenza carceraria alcuni degli interpreti  del film che hanno terminato di scontare la loro pena e sono rimasti, come attori, nel triangolo tra cinema, arte e teatro.

(Gabriele Aluigi)

 

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *