Wednesday, Nov. 21, 2018

I Macchiaioli in mostra al Chiostro del Bramante a Roma

Written By:

|

marzo 17, 2016

|

Posted In:

I Macchiaioli in mostra al Chiostro del Bramante a Roma

E’ il movimento pittorico più importante dell’Italia ottocentesca. Precedette senza precorrerlo l’Impressionismo. Fu una corrente realista, fondata sul principio delle macchie di colore e di chiaroscuro, che si oppose al Romanticismo e al purismo accademico. Stiamo parlando della corrente pittorica della Macchia, cui Roma dedica dal 16 marzo al 4 settembre del 2016 una mostra intitolata “I Macchiaioli. Le collezioni svelate”. Organizzata da Arthemisia Group e da Dart- Chiostro del Bramante, la mostra è stata curata da Francesca Dini che ha voluto approfondire il ruolo del movimento macchiaiolo nel contesto artistico ed europeo, e di ricostruire il collezionismo dell’epoca.

Un’occasione, dunque, per conoscere molti dei ca1570532_Cristiano_Banti_Ritratto_di_Alaide_seduta_in_giardino_antica_collezione_Bantipolavori figurativi dell’Ottocento, oltre ovviamente al clima storico che fece da sfondo alla vicenda degli artisti che lo rappresentano. L’esposizione, infatti, conta centodieci opere provenienti dalle ricchissime raccolte di grandi mecenati come Banti, Carniello, Bruno, Giussani e tanti altri. Alle loro collezioni sarà intitolata ciascuna delle nove sezioni del percorso espositivo, durante il quale, il visitatore potrà godere di opere come “Il Ponte Vecchio a Firenze” di Telemaco Signorini, “Il giubetto rosso” di Federico Zandomeneghi, “Place de la Concorde” e “Campo di neve” di Giuseppe De Nittis, o “Marcatura di cavalli” e “Ciociaria” di Giovanni Fattori.

Di Fattori sarà possibile ammirare anche opere mai esposte fino ad oggi, appartenute al fiorentino Gustavo Sforni, collezionista, intellettuale, pittore e mecenate, che amò collezionare i piccoli formati del pittore toscano come “Le vedette”, “Cavallo sotto il pergolato” o “Ritratto di donna – La rossa”. Del collezionista, del resto, sarà visibile anche “Sforni in veranda che legge” di Oscar Ghiglia, uno dei tanti quadri realiz46053-26_Signorini_Ponte_Vecchiozati a cavallo tra Ottocento e Novecento che raccontano come le conquiste formali e concettuali dei Macchiaioli furono recepite e sviluppate dalle successive generazioni di pittori.

Lorenzo Fusco

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *