Monday, Jul. 16, 2018

Galleria Umberto I di Napoli: una meraviglia tutta italiana

Written By:

|

febbraio 1, 2013

|

Posted In:

Galleria Umberto I di Napoli: una meraviglia tutta italiana

 È la Galleria Umberto I di Napoli una delle meraviglie italiane scelta per il progetto del “Forum nazionale dei giovani” in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia che ha come obiettivo quello di pubblicizzare le ricchezze del Bel Paese in tutto il mondo. La galleria, la cui costruzione fu ispirata dalla Galleria Vittorio Emanuele II di Milano (edificata circa venti anni prima), fu realizzata nell’Ottocento nel cuore di Napoli, quartiere San Ferdinando, da Luigi Emanuele Rocco, Ernesto di Mauro e Antonio Curri. Progettata su tre piani in stile liberty in ferro e vetro a quattro ingressi, le sue dimensioni sono leggermente inferiori rispetto al modello milanese: pavimento a marmi policromi, 15 metri di larghezza, 175 metri di lunghezza (contro i 196 dell’altra galleria) e presenta una cupola progettata dall’ing. Paolo Boubeè alta 57 metri (10 in più rispetto al modello milanese) impostata su un ottagono di 36 metri.

Sul pavimento, in corrispondenza della cupola, si trovano i mosaici raffiguranti i segni dello zodiaco realizzati ad opera della ditta veneziana, Padoan, che hanno sostituito gli originali del 1952 andati danneggiati dalla guerra.Inoltre, per cinquanta anni, la galleria ha anche ospitato gli ‘sciuscià’, ossia, i lustrascarpe della città di Napoli che talvolta, ancora oggi, s’aggirano nelle immediate vicinanze del monumento. La Galleria Umberto I ospita anche il famoso Salone Margherita, il primo cafè-chantant d’Italia della Belle epoque, che accoglieva importanti personalità intellettuali come: Gabriele D’Annunzio, Matilde Serao, Salvatore Di Giacomo. L’ingresso principale, ornato da diverse statue, è in corrispondenza del Teatro San Carlo e piazza del Plebiscito, invece, un’altra arcata più importante è rivolta in corrispondenza di via Toledo, nei pressi del Teatro Augusteo. La galleria venne inaugurata il 10 novembre 1892 dal sindaco Nicola Amore e in quell’occasione si tenne un’esposizione di prodotti artistici, artigianali e industriali, tant’è che presto divenne il polo commerciale di Napoli.

Fabio Pariante

 

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

(1) Reader Comment

  1. luigi esposito
    marzo 13, 2014 at 10:38 am

    Bella, peccato che non sia tenuta bene come quella di Milano la quale oltre tutto è anche sfruttata sotto il profilo culturale con librerie, case editrici e inoltre negozi che attirano la clientela sia italiana che straniera ( ristoranti /bar ) . Secondo me il disinteresse del Comune è un fattore importante

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *