Sunday, May. 27, 2018

Fonare libri, la bellezza della narrazione orale

Written By:

|

aprile 8, 2012

|

Posted In:

Fonare libri, la bellezza della narrazione orale

Fonare è un verbo che serve, ma che manca nei vocabolari (dove si trova solo nel significato di asciugare i capelli con il phon): indica l’azione di  leggere a voce alta ed è stato coniato (partendo da “fonazione”) dall’eminente critico Gianfranco Contini. Fonare libri, recuperare la bellezza e la grammatica della narrazione orale: è questo lo scopo delle decine di persone-libro dell’Associazione Donne di Carta (vedi, in questo portale, nella Sezione Blog e Siti), che in tutta Italia imparano i libri a memoria e  o poi vanno in giro nelle piazze a ripeterli ad alta voce de questo “costringe  l’arroganza elitaria della scrittura a farsi di nuovo voce e tornare per strada”.  Esalta così il loro impegno Michela Murgia sulla Repubblica di oggi in un b

reve articolo che fa riflettere. La scrittrice racconta di averle sentite, per la prima volta, in una piazza di provincia qualche anno fa e di aver visto così rafforzata la matrice orale del suo raccontare che affonda nel tempo antico in cui “la scrittura era un bene di pochi  e l’oralità era invece una risorsa per tutti e sapeva  costruire trame comuni di relazioni e di consapevolezza. Il racconto orale era soprattutto lo spazio della memoria condivisa, che sta all’oralità quanto la carta sta alla scrittura”.  Michela Murgia, non ama la modernità – o quanto meno il suo aspetto più invadente, la tecnologia – e  lo fa capire chiaramente  quando si scaglia contro “l’arroganza tipica delle  tecnologie cannibaliche che divenute  di dominio popolare”. Su questo si potrebbe discutere, anche perché proprio da queste tecnologie sta arrivando (attraverso gli e-book) un nuovo Rinascimento nel quale tanti giovani riscoprono il piacere della lettura, anche  attraverso i rimandi multimedial

i. E tuttavia  la scrittrice ha ragione quando conclude affermando che “alla base della narrazione non c’è la storia,m ma la disponibilità all’ascolto, così spesso assente  nei luoghi rumorosi della rete, dove non sempre  è chiaro che essere tutti connessi non vuol dire avere anche una trama in comune”.

 

 

Share This Article

Related News

“Borgo d’Autore” a Venosa dall’8 al 10 giugno, con 50 appuntamenti
Il 19 maggio a Locri il Codice Romano Carratelli
Pompei, ritrovamento eccezionale

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *