Tuesday, Nov. 20, 2018

Farinetti: nel cibo italiano la qualità è anche lentezza

Written By:

|

agosto 12, 2013

|

Posted In:

Farinetti: nel cibo italiano la qualità è anche lentezza

Oscar Farinetti domenica 11 agosto, in una lettera al direttore di Repubblica, fa un “elogio della lentezza” del Made in Italy del cibo in replica a un articolo di Federico Fubini  a proposito di un’azienda del padovano capace di portare un milione di uova “dal culo della gallina al supermarket”.  Farinetti  dice di non essere sicuro che “far coincidere il concetto di qualità con quello della velocità porti a un buon futuro per l’umanità”. Farinetti  elogia la bellezza del made in Italy del cibo e osserva che “si stanno moltiplicando in Italia piccole realtà artigianali che esportano sempre di più cibi di altissima qualità prodotti lentamente e nel rispetto dei cittadini con prezzi di cessione all’estero remunerativi, tanto da premiare tutti gli attori della filiera”.

Ma Farinetti  ci racconta anche un altro aspetto delle eccellenze del made in Italy nella produzione alimentare: quello delle grandi aziende che puntano sempre di più sulla qualità del prodotto e sulla gratificazione dei lavoratori, dai contadini agli operai. E cita casi concreti. Quello della Barilla, per esempio, che arriva  ad utilizzare il 75 per cento del grano di qualità, malgrado la nostra storica scarsa capacità produttiva.  O quello della Ferrero, che utilizza latte italiano di qualità e progetti lenti nella trasformazione.

“Esiste dunque un Made in Italy – osserva Farinetti – più lento, ma altrettanto valido e in linea con la necessità di  un futuro che rimetta al centro il lavoro dell’uomo. L’ agroalimentare italiano può farsi carico di diventare la bandiera mondiale di questa visione che potrebbe  apparire antica, ma che invece secondo me è incredibilmente moderna”.

La conclusione di Farinetti è chiara. E’ un invito e un appello: “Qui bisogna lavorare sull’immagine e sulla riconoscibilità del Made in Italy alimentare nel mondo. In questo senso le istituzioni ci possono e ci debbono aiutare. In fretta, per piacere. Qui la velocità servirebbe”.

(p.i.)

Share This Article

Related News

Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *