Saturday, Apr. 21, 2018

Fabiola Gianotti e la particella di Dio

Written By:

|

gennaio 21, 2013

|

Posted In:

Fabiola Gianotti e la particella di Dio

A prima vista potrebbe sembrare una signora d’altri tempi con il suo  look discreto nei toni e nello stile con poche concessioni alla civetteria. Ma è solo apparenza. Non appena Fabiola Gianotti, l’italiana coordinatrice e portavoce dell’esperimento Atlas di LHC (Large Hadron Collider), ha cominciato a parlare, rivolgendosi al folto pubblico dell’Accademia dei Lincei, accorso per sentire raccontare dalla sua viva voce l’avventura che l’ha portata, insieme al suo gruppo, a individuare il bosone di Higgs, la particella che crea la materia, è chiaro che la signora Gianotti è già nel futuro. La sua scoperta non solo ha dato un’ulteriore conferma sperimentale al Modello Standard (MS) che prevedeva l’esistenza del bosone, ma ha aperto nuovi orizzonti alla fisica delle particelle e molto probabilmente darà nuovo impulso alle ricerche sulla materia e sull’energia oscura. Ci sono tante domande alle quali la teoria del MS non può rispondere, ha detto Fabiola Gianotti. Ad esempio, non conosciamo di cosa è fatta la materia oscura e nessuna delle particelle del MS ha le  caratteristiche  per poterla spiegare.  E’ arrivato  il momento di scoprire  una fisica diversa da quella descritta dal MS o, magari,  confermare alcune delle teorie già ipotizzate dagli scienziati.  Un’impresa che  secondo la rivista americana colloca  la ricercatrice italiana tra le  cinque persone più importanti dell’anno, con tanto di copertina dedicata.

Parla con sicurezza e con passione. E’ chiaro che la professoressa Gianotti ha scoperto la bellezza nelle leggi  segrete della  natura alla cui comprensione ha dedicato, sin da giovanissima, curiosità,  entusiasmo, una  passione che l’ha portata dritta all’obiettivo e una disciplina, nello studio  della fisica, che le hanno dato le chiavi per decifrare i codici, anche i più  profondi, della natura.

Dal  4 luglio,   ha spiegato Fabiola Gianotti sappiamo che esiste una nuova particella che abbiamo osservato per la prima volta e sappiamo che si tratta di  una particella elementare scalare. “Non sappiamo – ha precisato –  se quello che abbiamo individuato è proprio il bosone di Higgs, ma il risultato della nostra ricerca è, comunque, importante perchè ha ristretto la finestra di massa, una regione molto piccola, in cui cercare questa particella”.  inoltre, ha sottolineato , per fare questi esperimenti, che sono dei veri gioielli,  è stata sviluppata una tecnologia d’avanguardia e,  “se per ora – ha concluso – non si intravedono applicazioni immediate a questa scoperta,  non dobbiamo dimenticare che  ogni volta l’uomo fa un passo avanti nella conoscenza questo, prima o poi,  si trasforma in progresso”.

Rita Lena

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

Persone

In queste pagine parliamo delle belle persone che popolano questo Paese. Persone che non si arrendono anche quando la loro azienda fallisce, che sanno recuperare tradizioni antiche e valorizzare saperi dimenticati. Giovani che non aspettano il posto fisso, che sanno sfruttare gli studi fatti, che magari vanno all’estero e poi ritornano perché è bello fare impresa nel Paese più bello del mondo. Ma anche persone che si dedicano agli altri e che fanno della solidarietà uno stile di vita. Segnalaci queste persone: persone@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *