Sunday, Jun. 24, 2018

Euro 2012, Bella Italia (ma non solo nel calcio)

Written By:

|

giugno 25, 2012

|

Posted In:

Euro 2012, Bella Italia (ma non solo nel calcio)

Il calcio lo hanno inventato loro, gli inglesi. Noi abbiamo inventato il catenaccio, l’arte delle squadre deboli che, ricorrendo a una difesa esasperata, riescono a battere le squadre più blasonate, o almeno a non farsi sconfiggere. Stavolta, ai campionati europei in Polonia e Ucraina, gli italiani hanno giocato all’inglese, attaccando per 120 minuti e riuscendo a scardinare ai rigori il catenaccio all’italiana degli inglesi. Insomma, noi abbiamo imparato a vincere giocando bene (un capolavoro il “cucchiaio” di Pirlo), gli inglesi hanno imparato a perdere giocando male.

Di solito in queste pagine non si parla di calcio, anche se una vittoria del proprio Paese, pur in una manifestazione sportiva, è sempre un bel vedere. Facciamo un’eccezione stavolta per segnalare, a chi non vuole accorgersene, che gli italiani – nel calcio o in qualsiasi altra attività, produttiva, artistica, culturale – se evitano di autocommiserarsi e si impegnano seriamente, non sono inferiori a nessuno. Adesso tocca ai tedeschi. Sono fortissimi, ma noi li abbiamo battuti tante volte, nel calcio e anche in scontri bellici che è meglio dimenticare. Gli abbiamo insegnato la politica, l’arte, la cultura: loro facevano il grand tour in Italia, noi non avevamo bisogno di ricambiare la visita. Adesso si sono messi in testa di insegnarci il rigore (ma noi abbiamo Pirlo), l’austerity, i conti in ordine. È il momento di ricordare alla Merkel e agli gnomi di Francoforte che la contabilità moderna è stata inventata da un italiano, fra’ Luca Pacioli, e che noi non abbiamo bisogno di lezioni su come difenderci dall’inflazione, l’incubo dei tedeschi: anche nei peggiori anni della nostra storia, non abbiamo mai dovuto pagare con miliardi di marchi una scatola di fiammiferi. E se dovessimo perdere nel big match con la Germania, è l’occasione di dimostrare che abbiamo imparato anche a non piangerci addosso.

(Arrigo d’Armiento)

Share This Article

Related News

Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
La Vienna di Mozart alla Festa della Musica nel museo della Sibaritide
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *