Sunday, May. 27, 2018

Duomo di Forlì, il modo sbagliato di proteggere la bellezza

Written By:

|

settembre 5, 2012

|

Posted In:

Duomo di Forlì, il modo sbagliato di proteggere la bellezza

La Cappella della Madonna del Fuoco nel Duomo di ForlìSi narra che Giuseppe Marotta, gelosissimo, chiudesse a chiave dentro casa la sua legittima consorte e infilasse tra i due battenti un capello che, al ritorno, doveva ritrovare al suo posto. Il burqa, in una foggia o in un’altra, come si vede non è costume soltanto afgano. Nasconderci dentro la controfigura di Tina Pica, è comprensibile. Ma come si fa a farlo indossare a una sosia di Marilyn Monroe? La bellezza va messa bene in vista, non sotto chiave.

Di questa opinione, purtroppo, non è il parroco del Duomo di Forlì, anche se ha le sue buone ragioni. Per far rispettare ai visitatori, più che ai fedeli, il settimo comandamento (“non rubare” ricordiamo a chi ha dimenticato il catechismo) ha pensato bene di togliere dalla portata dei malintenzionati gli arredi sacri che abbellivano il sacro edificio. E così candelieri, candelabri e altri preziosi manufatti sono finiti in cassaforte, lasciando piuttosto spoglia la cattedrale.

 Figuriamoci se la gente stava zitta! Anche chi non entrava in chiesa da decenni si è messo a protestare per l’oltraggio che la decisione del prete ha fatto alla chiesa, all’arte, alla città. Come si fa a dare torto a chi dice che il patrimonio artistico del Duomo deve stare dove la storia lo ha collocato? Già, ma se lo rubano il loro posto rimane ugualmente vuoto.

 Il problema è che le forze dell’ordine sono ridotte all’osso e con tanti reati da perseguire. A prevenirli dovrebbero pensarci i vigilanti privati, che però costano troppo per le casse parrocchiali: la crisi economica si fa sentire anche sulle feritoie delle cassette dell’elemosina.

 Qualcuno ha proposto la soluzione giusta, la soluzione possibile: turni di vigilanza di parrocchiani volontari. Bene. Chi vuole conservare candelabri e oggetti d’arte sacra, invece di protestare si metta di guardia, armato di coraggio e di telefonino per chiamare i carabinieri. Dovrebbero farlo tutti gli italiani, se ricordassero d’essere un popolo civile. Diventerebbero anche un popolo più ricco, visto che il patrimonio artistico gli appartiene. (Bruno Cossàr)

Share This Article

Related News

“Borgo d’Autore” a Venosa dall’8 al 10 giugno, con 50 appuntamenti
Il 19 maggio a Locri il Codice Romano Carratelli
Pompei, ritrovamento eccezionale

About Author

La Voce della Bellezza

(3) Readers Comments

  1. Antonella
    settembre 5, 2012 at 12:57 pm

    Se i nostri politici ed uomini di spettacolo come anche Sgarbi abbinassero la loro immagine ai nostri monumenti fieramente romani e sfruttassero l'economia della "Pubblicita'" di una città che può ancora offrire variabili economiche da rivalutare..

    • Antonella
      settembre 5, 2012 at 1:01 pm

      Propongo che Monti e Berlusconi stampino la loro immagine a fianco del Colosseo o dell'Altare della Patria!

  2. Fabio Massimo Addarii
    settembre 5, 2012 at 2:04 pm

    Condivido pienamente quanto scritto: sono i cittadini che devono iniziare a riprendersi le città in cui vivono facendo capire ai politici, nazionali o locali, che sono stati eletti e sono al servizio dei cittadini stessi, che non sono i padroni delle città e della pubblica amministrazione!! Certamente la bellezza delle nostre città, la ricchezza delle nostre chiese e dei nostri musei dovrebbero e potrebbero divenire fonte di benessere per tutti gli italiani e non dovrebbero essere lasciati alla speculazione di pochi e alla mercé di tanti "vandali" nazionali o stranieri.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *