Friday, Jul. 20, 2018

I vini italiani oggetto del desiderio nelle aste internazionali

Written By:

|

aprile 8, 2013

|

Posted In:

I vini italiani oggetto del desiderio nelle aste internazionali

Le etichette italiane sono tra le più apprezzate sotto i martelli dei banditori delle più blasonate case d’asta internazionali. Nel 2013 tornano a crescere le quotazioni dei grandi vini italiani da collezione. Lo confermano i lotti battuti  alle prime aste dell’anno, tra Londra e New York, con le etichette italiane che hanno spopolato da Sotheby’s, Christies’s e Acker Merrall & Condit. I vini tricolore scalano le classifiche: per Liv-Ex Power 100, la lista dei più influenti brand del mercato mondiale l’Italia, nel 2012, aumenta il numero delle presenze (dai 7 marchi del 2011 ai 9 dell’anno scorso), le posizioni nelle prime 50 e anche le quotazioni, nell’ordine di un +6% sul 2011. E’ la Francia a dominare la “top 100” occupando 9 delle prime 10 posizioni, il primo alfiere italiano è il Masseto della Tenuta Ornellaia, balzato al n. 12 (era al n. 51 nel 2011), seguito dal Sassicaia della Tenuta San Guido al n. 14 (al n. 27 nel 2011) e ancora dal Bolgheri Superiore Ornellaia al n. 20 (n. 35 nel 2011). A seguire due new entry, Giacomo Conterno, al n. 46, e Tua Rita, al n. 52. Subito dietro due top brand della griffe Antinori, il Tignanello al n. 53, e il Solaia al n. 66. A chiudere la classifica degli italiani due firme piemontesi, Roberto Voerzio, altra novità, al n. 69, e Gaja, al n. 72.

Vini toscani e piemontesi che vedono crescere l’interesse dei collezionisti di grandi vini e degli investitori, in particolare orientali. Si riduce sempre più, quindi, lo “spread” enoico fra Italia e Francia, con i toscani che superano i Premier Cru di Bordeaux in termini di redditività, come  rileva un’analisi ad hoc del Liv-Ex Supetuscan 50. A costituire lo zoccolo duro delle eccellenze italiane che crescono nelle quotazioni sono Masseto e Ornellaia della Tenuta dell’Ornellaia, il Sassicaia della Tenuta San Guido, Tignanello e Solaia di Marchesi Antinori:  le annate dal 1999 al 2008 hanno superato il Liv-Ex Fine Wine 50 (che misura le performance dei 5 Premier Cru di Bordeaux: Lafite, Haut-Brion, Latour, Margaux e Mouton Rothschild), totalizzando un ritorno di investimento, nell’arco degli ultimi 5 anni, del 76%, sul 26% di quello dei vini francesi. A suonare la carica soprattutto Ornellaia e Masseto della Tenuta dell’Ornellaia, che hanno fatto registrare un aumento del loro prezzo rispettivamente del 17% e del 13%. Tendenza in crescita nelle vendite all’asta per i vini “ex cantina”, vale a dire quelli provenienti dalle riserve aziendali, dove ancora una volta è la Tenuta dell’Ornellaia a spuntare le migliori quotazioni. (fonte Vinitaly)

 

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *