Monday, Apr. 23, 2018

Da Giotto a Gentile: pittura e scultura a Fabriano

Written By:

|

agosto 3, 2014

|

Posted In:

Da Giotto a Gentile: pittura e scultura a Fabriano

poAll’alba della pittura figurativa italiana, risplendono i capolavori di Giotto: fu il maestro  toscano a districare le solenni trame dell’arte bizantina, inserendo fra le sue maglie il vero di natura, il vero visibile, sfumature psicologiche, dando vita alle sue figure nella profondità, in uno spazio misurabile; è la rivoluzione della prospettiva, è l’inizio di una nuova era per la pittura.

A Fabriano è stata da poco inaugurata una mostra curata da Vittorio Sgarbi, che  espone, fino al 30 novembre, oltre 100 opere fra dipinti, pale d’altare, tavole, sculture, manoscritti e codici per  ripercorrere quel sentiero che va da Giotto a Gentile, attraversando due secoli di storia dell’arte, di intuizioni geniali  e di una nuova sensibilità della Chiesa per l’arte figurativa in genere.

Capolavori provenienti da numerose istituzioni museali nazionali e straniere per raccogliere in un solo luogo, la Pinacoteca Civica “Bruno Molajoli”, tracce di un’evoluzione stilistica da cui non si tornò più indietro e che ancora oggi è fonte di ispirazione e modello.

Gentile da Fabriano, fortemente influenzato dalla pittura fiamminga, ad un secolo dalla lezione del grande maestro, ad un linguaggio estetico ormai all’apice in Italia aggiunge una sensibilità europea, quel naturalismo tipico della pittura francese di quel tempo, divenendo ben presto uno degli artisti più celebri a Firenze e a Roma.

Nel percorso espositivo si possono ammirare alcune delle sue opere più note, come la Crocefissione  e la  Madonna dell’umiltà, proveniente dal Museo nazionale di San Matteo di Pisa.

Ma l’evento va ben oltre la semplice, seppur preziosa, rievocazione di quel periodo artistico, e  svela al grande pubblico, attraverso l’esposizione delle tele realizzate dai contemporanei di Giotto e Gentile, l’eleganza  della scuola di Fabriano; così a pittori e scultori celebri si affiancano artisti meno noti, giungendo ad una identificazione chiara di una scuola forse poco conosciuta.

 Andrea Mazzuca

 

Share This Article

Related News

70 anni di Israele: Festa al Portico d’Ottavia a Roma
Cori ricorda il poeta Elio Filippo Accrocca a 95 anni dalla nascita
La Fornarina è tornata a Palazzo Barberini a Roma

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *