Tuesday, Sep. 25, 2018

Cuochi senza barriere: il no profit….di gusto

Written By:

|

settembre 27, 2013

|

Posted In:

Cuochi senza barriere: il no profit….di gusto

La seconda edizione del Taste of Rome ospita quest’anno uno spazio dedicato a “Cuochi senza Barriere”: un’organizzazione no profit (non ancora onlus) nata solo due mesi fa dall’idea di un gruppo di cuochi volenterosi. “È bastata una telefonata a due colleghi di Roma, anche loro sensibili al sociale, per unire le forze e dare vita a questa avventura” ha spiegato Roberto Di Pinto, executice sous chef del Bulgari di Milano.

“Abbiamo deciso di chiamarci “cuochi senza barriere” – ha continuato Di Pinto- perché vogliamo abbattere, per quanto ci è possibile, gli ostacoli che quotidianamente incontrano i più deboli. Ai tavoli dei nostri ristoranti si siedono persone che riteniamo fortunate, e vogliamo offrire un servizio anche a chi così fortunato non è. Tramite la cucina offriamo giornate di spensieratezza, sorrisi.”

I super cuochi, infatti, si impegnano nella preparazione di pasti per i più bisognosi come quello del prossimo dicembre in occasione della festa di Sant’Ambrogio a Milano – in partnership con la Onlus Pane Quotidiano, attiva in questo campo da più di 100 anni-  a cui potranno prendere parte circa 80 persone. E da gennaio partirà addirittura una catena di ristoranti affiliati che nel loro menù proporranno dei piatti “brandizzati” dal cui ricavato verrà devoluto un euro.

Interessante anche l’accordo che partirà dal 14 ottobre  con Eataly Roma per la vendita, utile a raccogliere fondi, di piatti “cuochi senza barriere” e gadget dell’associazione. Fondi che finanzieranno un bellissimo progetto che avrà luogo sempre in territorio laziale, nei pressi dei Castelli Romani, dove gli chef hanno “adottato” un appezzamento di terra per far praticare ai ragazzi disabili, col supporto di assistenti, l’ortoterapia: un processo che utilizza le piante e la relazione con esse per creare o migliorare il benessere fisico e psicologico con risvolti positivi in termini di benessere individuale, miglioramento della qualità della vita e della coesione sociale.

 “I movimenti  e il bilancio -ci tiene a sottolineare lo chef- saranno trasparenti e sempre visibili sul nostro portale. Agli “iscritti” chiediamo un contributo annuale di €50; riceveranno una giacca istituzionale e aggiornamenti tramite newsletter. Potranno inoltre godere di alcuni sconti presso negozi di forniture per la nostra professione. Anche se -conclude Di Pinto- per prendere parte all’associazione non è necessario essere cuochi. Come dice il nostro motto, ‘Per essere un cuoco senza barriere non C’è bisogno di saper cucinare…ma di saper amare’ “

Giulia Coia

Per maggiori informazioni: cuochisenzabarriere@gmail.com

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *