Sunday, May. 27, 2018

Cultura della legalità e società multireligiosa

Written By:

|

marzo 9, 2012

|

Posted In:

Cultura della legalità e società multireligiosa

Cultura della legalità e società multireligiosa: questo il tema che il Cortile dei Gentili affronterà il prossimo 29 e 30 marzo  nella sua tappa a Palermo. Il cortile dei gentili  è una iniziativa attuata dal card. Gianfranco Ravasi , Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa per   aprire un dialogo serio e rispettoso tra credenti e agnostici o atei dando così seguito a un’idea di Benedetto XVI espressa in occasione degli auguri alla curia romana per il Natale 2009:  “Penso che la Chiesa dovrebbe anche oggi aprire una sorta di cortile dei gentili dove gli uomini possano in una qualche maniera agganciarsi a Dio, senza conoscerlo e prima che abbiano trovato l’accesso al suo mistero, al cui servizio sta la vita interna della Chiesa. Al dialogo con le religioni deve oggi aggiungersi soprattutto il dialogo con coloro per i quali la religione è una cosa estranea, ai quali Dio è sconosciuto e che, tuttavia, non vorrebbero rimanere semplicemente senza Dio, ma avvicinarlo almeno come  Sconosciuto”. Molte le iniziative  di dialogo e riflessione comune realizzate da quando il cortile è nato, a fine 2011 .

Il cortile dei Gentili, che era  il luogo che nella sinagoga disponibile per i non ebrei, è diventato  così, anche attraverso questo sito,  un ponte per valicare diffidenze e incontrare i lontani.  Credenti e non credenti stanno su territori differenti, ma non si devono rinserrare in un isolazionismo sacrale o laico, ignorandosi o peggio scagliandosi sberleffi o accuse, come vorrebbero i fondamentalisti di entrambi gli schieramenti.

La parola Gentili designa nel linguaggio ecclesiastico i non-ebrei, ossia i pagani che si erano accostati al cristianesimo: il termine deriva dal latino gens nel senso di “nazionalità straniera” in opposizione al populus Romanus.
Per comprendere la realtà del “Cortile dei gentili” – per certi versi simile al nostro “sagrato” aperto a tutti, anche ai non credenti – dobbiamo riferirci alla planimetria del tempio di Gerusalemme, soprattutto nella tipologia offerta dall’imponente edificio voluto dal re Erode a partire dal 20 a.C. e distrutto nel 70 d.C. dalle armate romane di Tito. Là, infatti, oltre alle aree riservate alle donne, agli Israeliti, ai sacerdoti e al santuario propriamente detto, si apriva uno spazio al quale potevano accedere i pagani in visita a Gerusalemme. In questo recinto c’ era un divieto analogo alle segnalazioni attuali con l’avviso di “pericolo di morte” o di “zona militare” invalicabile: “Nessuno straniero (alloghenés) penetri al di là della balaustra e della cinta che circonda l’area sacra (hierón). Chi venisse sorpreso [in flagrante] sarà causa a se stesso della morte che ne seguirà.” La pena capitale era automatica, senza regolare processo ma con una sorta di linciaggio affidato alla folla ebraica.
Quel simbolo di apartheid e di separatezza sacrale che era il muro del “Cortile dei gentili” è, quindi, cancellato da chi nella Chiesa cattolica vuole eliminare le barriere per un incontro nell’armonia tra i due popoli.

Share This Article

Related News

Sul Pollino la Festa della Pita
Classifica Qs 2018: La Sapienza prima Università al mondo in Scienze dell’antichità
Anche Fido in fila al botteghino del cinema

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *