Wednesday, Nov. 21, 2018

Carcere di Nisida: a scuola di sartoria e bellezza

Written By:

|

aprile 16, 2015

|

Posted In:

Carcere di Nisida: a scuola di sartoria e bellezza

bellezzanisidaimg1Ciò che non manca in carcere è il tempo. E l’Istituto minorile di Nisida ha deciso di impiegare gli anni migliori dei suoi ragazzi in un percorso formativo: una scuola di sartoria.  Il laboratorio è tenuto dal maestro  Pino Peluso che insegna i segreti di questo mestiere meticoloso a 15 giovani detenuti. Il progetto è stato promosso dalla Regione Campania al fine di insegnare ai ragazzi come concretizzare un’idea, esattamente come avviene  con la trasformazione del cibo o con un disegno. L’augurio degli organizzatori è che i ragazzi imparino un lavoro e che in futuro i ragazzi lavorino per dar forma ai loro sogni senza cercare scorciatoie. Queste attività sopra citate hanno infatti  come comune denominatore l’attesa e l’elaborazione. Imparare ad aspettare migliora la qualità del tempo e la percezione che si ha di esso; permette di comprendere i tempi per agire aumentando così la fiducia e la padronanza  di sé stessi.

Il carcere minorile di Nisida si è sempre concentrato sul reinserimento ed il recupero dei ragazzi. È da ricordare un bellissimo progetto del 2014 intitolato “Le forme della Bellezza” . Come riconoscerle? Dove trovarle? Semplice, nei propri occhi. Armati di macchina fotografica, i ragazzi hanno catturato ciò che di bello offre la natura. Fiori, animali e nuvole dalle strane forme sono così diventati immagini ed  esposti in una mostra  ideata dal Jane Goodall Institute Italia –che fa capo all’omonima Messaggera di Pace ONU– con il patrocinio e la sponsorizzazione dell’Assessorato all’Ecologia e all’Ambiente della Regione Campania. Le immagini in esposizione  sono state poi inviate in Tanzania per adornare le case degli orfani del Gombe con elementi naturali che alcuni ragazzi hanno ritenuto essere  bellezza.

Giulia Coia

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *