Saturday, Jul. 21, 2018

Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti

Written By:

|

settembre 17, 2013

|

Posted In:

Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti

Fino al 5 novembre 2013, Castel Sant’Angelo ospiterà la mostra “Capolavori dell’archeologia: recuperi, ritrovamenti, confronti”, allestita in occasione della trentaduesima edizione della Mostra Europea del Turismo e delle Tradizioni Culturali, dedicata ai vent’anni di collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato con il Centro Europeo per il Turismo.

 Le opere esposte, una novantina in tutto, sono reperti archeologici rubati o esportati illecitamente dall’Italia che, grazie a delle rilevanti attività di recupero, sono rientrate nelle loro sedi. Questi beni sono esposti insieme ad altre opere, simili per datazione, tecnica e materiale, allo scopo di permettere dei confronti che chiariscano e sottolineino il lavoro che è stato fatto su di esse.

Seguendo il percorso, sarà possibile rendersi conto del continuo pericolo di saccheggio a cui è sottoposto il patrimonio artistico italiano  e, allo stesso tempo, comprendere e apprezzare il lavoro scientifico e di ricerca che si nasconde dietro il ritrovamento dei reperti archeologici.

La mostra è organizzata in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il patrimonio Storico-Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma.

L’esposizione, curata da Mario Lolli Ghetti e da Maria Grazie Bernardini, è ospitata nelle sale di Clemente VII, di Clemente VII e di Apollo e della Giustizia, ed è suddivisa in nove sezioni tematiche.

Clara Cosenza

 

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *