Wednesday, Nov. 21, 2018

Canova e il segno della gloria, 79 disegni a Palazzo Braschi

Written By:

|

marzo 5, 2013

|

Posted In:

Canova e il segno della gloria, 79 disegni a Palazzo Braschi

Nel cuore della capitale, a Palazzo Braschi, residenza della famiglia di papa Pio VI tra il 1775 e il 1779, è di scena, fino al 7 aprile,  la mostra “Canova. I disegni esposti nella mostra sono 79, selezionati tra i 1800 circa che costituiscono la più grande raccolta al mondo di disegni di un artista, donata a metà Ottocento al Museo Civico di Bassano da Giambattista Sartori Canova, fratellastro dell’artista ed erede universale.

A Palazzo Braschi oltre ai disegni, sarà possibile ammirare anche 15 acqueforti delle opere realizzate, 6 modelli originali in gesso, 4 tempere, un dipinto a olio, due terrecotte e due marmi, tutte opere che completano e illustrano il passaggio dalla fase ideativa alla realizzazione dell’opera. Previste anche visite didattiche per le scuole con prenotazione obbligatoria.

I percorsi di lettura dell’opera del Canova

L’intera esposizione è imperniata sul ruolo di Antonio Canova come primo artista della modernità. La prima sezione si compone dei fogli che narrano la varietà del suo segno e dei metodi di progettazione. L’esposizione individua due principali percorsi di lettura dell’opera dell’artista: il rapporto con la scultura antica delle collezioni romane e con i personaggi storici e della cultura del suo tempo. Da ammirare in particolare i disegni per i monumenti e le sculture di Clemente XIV, Napoleone Bonaparte, Maria Luisa d’Asburgo, Maria Cristina d’Austria, Carlo III e Ferdinando I di Borbone, George Washington, Vittorio Alfieri, Orazio Nelson, e Paolina Borghese Bonaparte e opere commissionate da Giorgio IV re d’Inghilterra e Joséphine de Beauharnais Bonaparte.

Il disegno assume la forma di “pensiero” dell’opera realizzata ma anche di “ricordo” delle esperienze di vita, di studio e di lavoro, e grazie alla mostra si trasforma in strumento per comprendere la complessità della personalità e dell’opera di questo grande scultore veneto, che si formò nelle terre della sua nascita per affermarsi nella culla della scultura classica e barocca, a Roma, in un periodo storico di grandi cambiamenti che introduce all’Età moderna.

In questo video una visita guidata alla mostra.

Giorgio Marota

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *