Wednesday, Jul. 18, 2018

Campi estivi per fare l’Italia più bella e più vivibile

Written By:

|

aprile 10, 2012

|

Posted In:

Campi estivi per fare l’Italia più bella e più vivibile
E!state 2012: liberi di conoscere per combattere l’illegalità

Ci sono vari modi di tutelare la bellezza di questo paese e i campi estivi organizzati da diverse associazioni in questo paese ne propongono diversi, come diversi sono i tipi di bellezza che difendono. C’è la bellezza  paesaggistica di luoghi come la laguna di Venezia,  Capraia, Gallipoli aggredita dall’ incuria e abbandonata al disinteresse o all’impotenza delle amministrazioni locali. E c’è la bellezza della libertà che si assapora, in certe aree del Sud del Paese, solo se  si impara ad opporsi alla criminalità organizzata.

Alla prima esigenza rispondono campi estivi per i giovani come quelli organizzati da “Legambiente”, che propone un’esperienza formativa dedicata ai volontari under 18 per i campi di circa 10 giorni (a scelta tra giugno, luglio e agosto).. Il lavoro consiste nel ripristinare le aree boschive, pulire le coste e i fondali marini, recuperare sentieri alpini e borghi di montagna. Per aderire alle iniziative bisogna compilare il modulo on-line nei siti dedicati.

Alla seconda, molto più complessa,  si è attrezzata a rispondere l’associazione “LiberaTerra”, fondata e coordinata da don Luigi Ciotti che prevede la cooperazione di oltre 1500 associazioni, scuole e altre realtà impegnate in tutta Italia a combattere la cultura della malavita attraverso un’esperienza concreta di volontariato come “E!state Liberi”, un progetto di circa quaranta campi estivi, aperti da giugno a settembre e dedicati ai maggiorenni di tutte le età per sensibilizzarli sul fenomeno dell’illegalità. Il programma giornaliero prevede due step: al mattino lavoro di gruppo nei campi e al pomeriggio  confronto diretto con esperti e familiari delle vittime.

Quest’anno la XVII “Giornata in ricordo delle vittime delle mafie” si è tenuta a Genova lo scorso 17 marzo, organizzata alla presenza di 500 familiari delle vittime con una marcia da Piazza della Vittoria al Porto Antico. “Le organizzazioni criminali nel Mediterraneo – ha stigmatizzato don Ciotti –  hanno fatto più vittime che le guerre di mafia. Diciamo basta ai venditori di illusioni e chiediamo speranza e concretezza. La politica faccia la sua parte fino in fondo. Bisogna fare di più. Abbiamo bisogno di una società nella quale ci educhiamo a riconoscerci uguali come cittadini e diversi come persone” . (Fabio Pariante).

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Storie

L’Italia è piena di belle storie di aziende, associazioni, amministrazioni comunali virtuose. Storie che non è facile sentire o vedere in tv perché il male e il brutto fanno notizia; il bene e il bello generalmente no. Storie di imprese nate da un’idea nuova o da un’antica tradizione. Ma anche piccole magìe di tutti i giorni che troviamo nel volontariato, nelle associazioni, ecc. che fanno del nostro il Paese una realtà di generosità e impegno che ha un valore anche per il Pil nazionale. Segnalaci le storie: storie@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *