Sunday, Jul. 15, 2018

Bellezza è armonia: i Musei Vaticani incontrano l’Indonesia

Written By:

|

giugno 2, 2014

|

Posted In:

Bellezza è armonia: i Musei Vaticani incontrano l’Indonesia

La Religione_Ing_30x50Migliaia di tasselli dalle forme e dai colori differenti per comporre un magico ed immenso mosaico, in cui ogni elemento trae forza, bellezza e dignità dal suo prossimo, dalle sue differenze, che per contagio lo trasformano arricchendolo, facendo evolvere continuamente il disegno totale, senza fratture, ma in piena armonia.

L’Indonesia è l’arcipelago più popoloso del pianeta, costituito da numerose isole, in cui convivono etnie con credenze e costumi diversi: un crogiolo culturale che ha sempre favorito l’incontro di religioni differenti, offrendo al resto della Terra un raro esempio di quanto sono preziose parole come tolleranza e convivenza.

Accostarsi ad una realtà così complessa per conoscerne i segreti e la storia sembra quasi una sfida impossibile, ma i Musei Vaticani tentano l’impresa, portando a termine la missione con una mostra di rara bellezza: voci di una terra lontana, espressioni di un unico patrimonio culturale, quello indonesiano,  risuonano così negli spazi espositivi del Dipartimento etnologico.

I musei del Papa, che custodiscono oltre mille oggetti rappresentativi delle popolazioni di questa vasta area geografica, offrono al pubblico una selezioni di manufatti, dai pezzi più antichi a quelli contemporanei, provenienti da Bali, Papua, Sulawesi, Java e dai tanti altri tasselli di questo magico paese.Foto Digitale

Sono opere di uso quotidiano e cerimoniale, per lo più ricevute in dono dai pontefici nel corso degli anni; la mescolanza di usanze e fedi è incoraggiata dalle diverse etnie locali: non è un caso che il titolo dell’evento sia “Indonesia – il paese dell’armonia”.

Tra statue, oggetti in bronzo e in ferro, preziose testimonianze delle raffinate ed antiche tecniche di lavorazione tipiche dell’Indonesia, una vetrina in particolare sembra calamitare l’attenzione del visitatore. È al centro della prima sala ed è il cuore dell’evento; ne è il simbolo: la cultura tribale è rappresentata da un raffinato e quasi impalpabile villaggio in filigrana d’argento; sulla destra una statua di Ganesha del VIII secolo, una divinità induista dalla testa di elefante; vicino ad essa un piccolo Buddha e dalla parte opposta un Corano in miniatura dell’inizio del XX secolo; appena sotto una splendida scultura raffigurante la Madonna con Bambino, emblema della commistione artistica e del sincretismo religioso indonesiani per i tratti somatici  e l’acconciatura non conformi alle rappresentazioni usuali occidentali.

Tutto rievoca la pace e l’armonia di un paese lontano ed inafferrabile.

Dalle marionette del teatro wayang all’arte della decorazione tessile rappresentata dalle stoffe impreziosite con la tecnica del Batik; dal maestoso leone alato proveniente da Bali alle numerose statue in bronzo, databili dal VIII al XIV secolo, rappresentanti divinità induiste e buddhiste: ai Musei Vaticani l’incanto dell’Indonesia in tutte le sue forme.

Andrea Mazzuca

 

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *