Wednesday, Jul. 18, 2018

Avvenire: l’elogio dell’Italia “ostinata e bella” che resiste alla banalità del male

Written By:

|

maggio 22, 2012

|

Posted In:

Avvenire: l’elogio dell’Italia “ostinata e bella” che resiste alla banalità del male

“Ostinata e bella”: Così il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, nell’editoriale del 18 maggio 2012 descrive quella parte d’Italia “che le “grandi cronache” faticano a registrare”. “Quadri vivi e veri, generati da gente viva e vera a Castel Volturno e a Genova” che dicono “no” alla camorra padrona, sì alla città e alla terra delle persone generose e libere. No alla violenza e al terrore che vogliono soggiogare società e politica, sì a una città e a un lavoro da “abitare” a testa alta. “Una gran notizia” titola l’editoriale “anche se in quella patria del “politicamente corretto” che è ormai diventata anche la nostra patria continua a non fare notizia e a non andare in prima pagina persino quando è, a sua volta, politicamente corretta.

Un editoriale, quellodi Tarquinio, che troviamo in perfetta sintonia con la “mission” di questo nostro periodico on line.  È un’Italia -prosegue il direttore di Avvenire -. che fa molto e parla assai meno di quanto sarebbe giusto, che non gonfia i muscoli e non strilla a getto continuo, che ha più coraggio che slogan e, dunque, merita – secondo le ben note logiche del circuito mediatico – infinitamente meno spazio di una telenovela segnata dal sangue o dei modaioli capricci di un qualche divo”.

Solo una questione di numeri questa trascuratezza dei media?   È un’altra Italia – sottolinea Tarquinio – capace di numeri “che a qualcuno sembrano sempre troppo piccoli (o comunque irrilevanti) e di azioni che, invece, sono ordinariamente grandi. Un’Italia che raramente schiera folle da stadio, ma esprime in mille e mille diverse situazioni e condizioni gruppi di cittadini motivati e consapevoli di sé.

Citiamo ancora Tarquinio  su questa Italia nascosta o poco vista: un’ Italia  che “resiste alla marea schiumante dei «luoghi comuni», proclamati con inscalfibile sicumera, delle «estinzioni» di questo o quel valore (o bene comune) vaticinate con precipitazione e sussiego. Resiste alla trionfante banalità del male – della malavita, della malaeconomia e della malapolitica – che attira riflettori e conquista titoli perché sembra che ormai non possa che averli tutti per sé.
La conclusione è musica per le orecchie di lettori convinti, come noi. “Perché ogni concreto inizio di bene e di giustizia è già la «svolta» che tutti vogliamo e che non succederà di colpo, per rivoluzione, ma poco a poco per diffusi e corali convincimenti, per plurali ricominciamenti. E ogni nuovo o ritrovato esempio è una gran notizia”. La redazione della Voce della Bellezza sottoscrive convinta.

 (Marco Tarquinio)

Share This Article

Related News

Illumina le tue serate con le SERE FAI d’Estate
Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso

About Author

Bloc Notes

Potete essere d’accordo con i nostri commenti o dissentire in tutto o in parte. Questo indirizzo blocnotes@lavocedellabellezza.it è a vostra disposizione per dirci come la pensate sui fatti che sottoponiamo all’attenzione dei lettori o per commentarne altri. Avete anche mezzi più immediati, a cominciare dalle icone di condivisione sui Social Network, a cominciare dal “mi piace” su Facebook dove non manca ovviamente la pagina della Voce della Bellezza. Seguiteci anche su Facebook. Far crescere l’Italia migliore è più facile se siamo in tanti.

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *