Monday, Jul. 16, 2018

Architetture della Fede: mostra fotografica a Bologna

Written By:

|

novembre 9, 2012

|

Posted In:

Architetture della Fede: mostra fotografica a Bologna

Architettura e fede negli scatti di alcuni dei maggiori fotografi italiani. E’ questo il filo conduttore della mostra fotografica Architetture della Fede – Chiese d’Italia dalle origini al Rinascimento, inaugurata oggi (fino al 7 luglio 2013) presso la Raccolta Lercaro, a Bologna. La simbologia, il legame religioso e la trasformazione che ogni edificio sacro porta con sé sin dalla sua costruzione è alla base di questa ricerca artistica e spirituale realizzata dalla Fondazione Marilena Ferrari in collaborazione con la Raccolta Lercaro e con l’Ufficio Catechistico Diocesano. In mostra oltre cinquanta fotografie di alcune tra le chiese più conosciute d’Italia realizzate (la maggior parte in bianco e nero) da grandi interpreti come Aurelio Amendola, Vincenzo Castella e Pino Musi per la collana Italia della Fede, ideata e pubblicata dalla Casa editrice d’arte FMR. Una sequenza di splendide foto che al tempo stesso forniscono una preziosa chiave di lettura dell’edificio nella sua evoluzione attraverso i secoli e nell’interpretazione dei suoi elementi fondamentali, per ritessere quel legame tra arte e fede oggi troppo spesso dimenticato.

Il territorio europeo, e in modo particolare quello italiano, è ricchissimo di chiese antiche di straordinaria bellezza. Troppo spesso però passiamo inavvertitamente davanti a queste opere storiche che custodiscono la memoria di secoli di fede tramandata di generazione in generazione, senza realmente leggerne gli spazi o comprenderne la dimensione simbolica. La Chiesa, infatti, non è mai assimilabile a un semplice contenitore destinato ad accogliere determinate funzioni, ma è spazio di preghiera, luogo in cui la comunità si riunisce per celebrare i riti, le feste.  Ha mutato nei secoli la struttura architettonica secondo i contesti antropologici e teologici del tempo.

Trasformazioni che emergono dalle fotografie esposte in questa mostra, curata da Andrea Dall’Asta per gli aspetti storico-artistici e monsignor Valentino Bulgarelli per gli aspetti catechetici, in un percorso che parte dalla trasformazione del tempio greco-romano in chiesa cristiana, come nel caso del Duomo di Siracusa o del Pantheon, passando attraverso la basilica dei primi secoli e le sue strutture tipiche (quadriportico, nartece, matronei…) fino all’affermarsi dell’edificio a impianto cruciforme, di cui in mostra sono gli splendidi esempi delle cattedrali di Pisa e Siena.

Una intera sezione sarà dedicata all’approfondimento dei significati simbolici della decorazione, oggi troppo spesso considerata solo come puro ornamento e incomprensibile nei suoi significati più profondi. Mentre a conclusione del percorso il visitatore potrà ammirare altre tipologie di edifici di culto cristiani: Santo Stefano di Bologna, Sancta Jerusalem cittadina; la Santa Casa di Loreto, esempio di santuario; la Certosa di Pavia e la chiesa domenicana di Santa Maria delle Grazie di Milano. Un invito, dunque, a recuperare, attraverso una lettura simbolica, gli elementi originari della fede cristiana.

Share This Article

Related News

Irene Cao, il nuovo romanzo “Io ti amo” illustrato dai fotoquadri di AdottaUnRagazzo
Il ministro Bonisoli presenta la Festa della Musica 2018, testimonial Ezio Bosso
Le Historiae “perdute” di Seneca il Vecchio rinvenute in un papiro di Ercolano

About Author

Luoghi

La bellezza dell’Italia è anche nelle sue città, nei suoi borghi, nei suoi monumenti, nei suoi paesaggi. Città che trasudano storia, monumenti che hanno un’anima, paesaggi che la mano dell’uomo non è riuscita a stravolgere e che in molti angoli dell’Italia richiamano i colori e la serenità racchiusa in opere d’arte che il mondo ci invidia. In 30-40 righe, e con qualche link e foto segnalateci angoli di città e paesi che vi sono cari e per i quali, anche se si è andati via, vale la pena ritornare. Scrivi a luoghi@lavocedellabellezza.it

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *