Wednesday, Nov. 21, 2018

Il Premio Strega compie 70 anni: lascia il Ninfeo e va all’Auditorium

Written By:

|

luglio 6, 2016

|

Posted In:

Il Premio Strega compie 70 anni: lascia il Ninfeo e va all’Auditorium

strestreghet

 

Il Premio Strega compie 70 anni e compie una svolta: il prossimo 8 luglio, sarà la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ad ospitare la premiazione e non più il Ninfeo di Valle Giulia. A sfidarsi, a colpi di voti, in quella serata saranno Eraldo Affinati con L’uomo del futuro (Mondadori), il favorito Edoardo Albinati con La scuola cattolica (Rizzoli), Giordano Meacci con Il Cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax), Vittorio Sermonti con Se avessero (Garzanti) ed Elena Stancanelli con La femmina nuda (La nave di Teseo).

Certo si perde un frammento importante del mosaico Strega, la mitica e fascinosa sede di Casa Bellonci al Ninfeo, ma sarà comunque una splendida serata finale con premiazione, ebbrezza e bottiglione gigante di Liquore Strega Alberti.

Premio StregaE’ una serata attesa da autori, editori, giornalisti, fotografi, blogger e vari protagonisti i lettori: alla fine sono sempre i titoli più esposti in vetrina a giocarsela tutta e fino in fondo la partita del Premio Strega, ambito e quasi sempre prevedibile nelle sue sorti. Il Premio Strega, che dona brio a un settore boccheggiante, che riporta scrittori e giornalisti sotto i riflettori; che riesce a guadagnare  pagine di giornale, per una letteratura a volte stanca. Ma ogni generazione ha sempre detto così della sua presente e questo lascia sperare. Certo, tutti vorrebbero avere in poltronissima alla serata anime speciali e intelletti illuminati e illuminanti come le Bellonci, Spaziani, i Flaiano e tanti altri… E per i 70 anni di Premio Strega ci si soffermerà sulla storia e le radici del premio anche per designarne il futuro. La serata finale 2016 ha contorni più speciali del solito. Il gala arriva a celebrare il settantesimo compleanno di questa competizione che scalda gli animi dei solitamente solitari e appartati scrittori italici. Qualche idea nuova, riflessioni sulla fine o la rinascita di un mondo un tempo glorioso nel Belpaese, quello della cultura, della carta e della civiltà.

Sognando sempre uno scossone immane e una lettura più scioccante delle solite. Sognando il ritorno di qualche vero artista della penna, tratteniamo a malapena la curiosità di scoprire il libro eletto vincitore dell’anno e il suo papà o mamma. La novità estetica sarà invece la nuova sede dell’evento, conforme al desiderio del Premio di adornarsi di contemporaneità e di aprirsi alla grande e varia rete reale e virtuale di lettori.

Parco_della_Musica_di_RomaStavolta alla Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma certo si perde un frammento importante del mosaico Strega, la mitica e fascinosa sede di Casa Bellonci al Ninfeo. Si perde quel sapore arcano classico e romano, per guadagnare in giovinezza, dinamismo estrema attualità, multimedialità di uno schermo maxi performante di un multiforme scenario come quello dell’Auditorium di Renzo Piano. Certi che l’unione fa la forza e che l’unione dei lettori si configura di per sé come Lobby. Lobby buona, onesta, informata; lobby sensibile e gentile. Ma tuttavia lobby forte e in perenne ascesa. La lobby dei curiosi, dei tanti Ulisse che hanno capito che la realtà quotidiana e vissuta non è sufficiente e s’arrischia oltre le Colonne d’Ercole. Gente convinta che Don Chisciotte non fece poi così male a inseguire i Mulini a vento e a credere nelle sue avventure.

Gente che, come dice il grande compianto nonché grande assente Umberto Eco, non si accontenta di una vita sola e attraverso i libri ne vive infinite. Talora contemporaneamente. E allora l’appuntamento è l’8 luglio. Con la certezza che la migliore lettura sarà sempre quella amica, cha apre un varco alla speranza, che lascia trapelare una verità sotto gli occhi e mai notata, che stimola la presa di coscienza e la voglia di vivere di più. Più intensamente, al massimo. Riga dopo riga, istante dopo istante.

Chiara Crialesi

Share This Article

Related News

Zerocalcare al MAXXI di Roma fino al 10 marzo 2019
Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *