Tuesday, Nov. 20, 2018

A Pescara dipinti e sculture dei mitici anni Cinquanta

Written By:

|

dicembre 24, 2014

|

Posted In:

A Pescara dipinti e sculture dei mitici anni Cinquanta

untitledSabato  20 dicembre 2014, la lunga notte dei Musei di Pescara si è aperta con un nuovo evento a Casa D’Annunzio, in sintonia con le proposte di arte  contemporanea che si svolgono in altre sedi.

La Soprintendenza BSAE dell’Abruzzo ha organizzato un’esposizione delle espressioni artistiche degli Anni Cinquanta: 40 opere, sculture di Emilio Greco, l’astrattismo di Capogrossi esordiente, la satira graffiante di Mino Maccari, l’espressionismo di Fausto Pirandello, ed altri protagonisti del dibattito d’attualità tra astrazione e figurazione quali ad esempio Guttuso, Mafai, Cantatore.

Tutti i protagonisti comporranno un percorso che sommerge le devastazioni del panorama postbellico ed assembla un sentire comune attraverso i colori, confrontandosi, con le nuove tecnologie e i movimenti internazionali di grande creatività artistica.

In questa mostra,  che esibisce non pochi dipinti di livello europeo esposti alle prime edizioni del Premio Michetti, non mancano anche illustri nomi abruzzesi come Michele Cascella, Carlo D’Aloisio, Gildo D’Annunzio, Amleto Cencioni, Giovanni de Santis e Italo Picini, nonché una selezione di opere di Remo Brindisi, di cui il Museo Nazionale d’Abruzzo custodisce una collezione importante per qualità e varietà.pescara_mostra_ugo_nespolo

Contestualmente alla mostra, a cura di Lucia Arbace,  verrà anche inaugurato il nuovo allestimento delle anticamere  dell’appartamento  al primo piano,  nelle quali nacque  Gabriele d’Annunzio nel 1863  e dove visse sua madre Luisa. Accanto a Su -Su di Costantino Barbella-  con il ragazzino che sorseggia il vino,  e di fronte a “I morticelli” di Francesco Paolo Michetti, che celebra tra l’altro la luce solare che si specchia nel mare Adriatico, è ora esposto un eccezionale Paesaggio di Michele Cascella, datato 1927, che onora le monumentali montagne d’Abruzzo, autentico genius loci del territorio appenninico.

La mostra rimarrà aperta tutti i giorni fino al 2 febbraio 2015. il 6 gennaio è prevista un’apertura straordinaria fino alle ore 20.

Giulia Coia

www.casadannunzio.beniculturali.it

Share This Article

Related News

Lazio delle meraviglie:  Cori festeggia l’antico vitigno del Nero Buono
Pompei, ritrovata iscrizione che cambia la data dell’eruzione
In mostra al Chiostro del Bramante “Dream. L’arte incontra i sogni”

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *