Wednesday, Sep. 26, 2018

A Napoli una “mostra Impossibile” per tre maestri

Written By:

|

gennaio 16, 2014

|

Posted In:

A Napoli una “mostra Impossibile” per tre maestri

Raffaello (2)Nel complesso monumentale di San Domenico Maggiore a Napoli, fino al 21 aprile sono in mostra 117 riproduzioni di capolavori di Leonardo, Raffaello e Caravaggio.  Si intitola “Una mostra impossibile. Opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità digitale” il progetto ideato e diretto da Renato Parascandolo, con la direzione scientifica di Ferdinando Bologna, che nasce dalla collaborazione tra Rai-Radiotelevisione italiana, Comune di Napoli – Assessorato alla Cultura e al Turismo, Associazione Pietrasanta Polo culturale. Si tratta di 17 le opere di Leonardo, 37 di Raffaello e 63 di Caravaggio: riproduzioni ad altissima definizione in scala 1:1 stampate su un supporto trasparente, esposte senza cornice e retroilluminate.

La fedeltà delle riproduzioni all’originale è comprovata da autorevoli storici dell’arte italiani e stranieri: sono quindi riproduzioni “certificate”. Grazie a queste “copie” a grandezza naturale è possibile avvicinarsi ed osservare dettagli e particolari senza le distanze di sicurezza obbligatorie nei musei, e si può ammirare un numero di opere impossibile da riunire in un solo percorso espositivo se realizzato con gli originali. Durante il periodo della mostra ci saranno anche conferenze, spettacoli e convegni dedicati alla vita e ai percorsi artistici dei tre grandi maestri vissuti tra il 1400 e il 1600.

Caravaggio (2)Le esposizioni già realizzate come “Mostre Impossibili” sono numerose e nascono nel 2003 con un percorso dedicato a Caravaggio negli spazi di Castel Sant’Elmo a Napoli; sono poi approdate in altre città italiane e negli Stati Uniti, a Chicago e Santa Cruz. Questa visione “alternativa” dell’arte ha riscosso grande successo, permettendo a decine di milioni di visitatori di poter ammirare riproduzioni di opere conservate in musei sparsi per il mondo, esposizioni o abitazioni private. L’augurio è che coloro che osservano le riproduzioni digitali, siano spinti poi dal desiderio di approcciarsi alle opere originali, capolavori della storia dell’arte che non potranno mai essere sostituiti.

Laura Rubboli

 

Share This Article

Related News

Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese
Discover Museums: Enotri e Brettii in Magna Grecia
Il tesoro di Como: ritrovate 300 monete d’oro romane

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *