Wednesday, Oct. 17, 2018

Festa della Donna: 8 marzo tra mimose e cultura

Written By:

|

marzo 6, 2017

|

Posted In:

Festa della Donna: 8 marzo tra mimose e cultura

1488444132004_19_BarberiniSante e prostitute, dee e popolane, intellettuali e artiste, attrici e martiri, scrittrici e poetesse, madri, madonne e rivoluzionarie: l’8 marzo si celebrano tutte le donne, comprese le signore dell’arte. Con l’hashtag #8marzoalmuseo il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo lancia una campagna di comunicazione social e punta i riflettori su dipinti, sculture, stampe, busti, reperti archeologici e ritratti che omaggiano il “femminile”.

Da Sofonisba Anguissola, una delle prime esponenti della pittura europea, a Ofelia, il tragico personaggio shakespeariano, da Madame de Stael, l’intellettuale liberale francese che ha animato i salotti letterari, alla poetessa greca Saffo: sono oltre trenta le locandine digitali – selezionate dagli storici dell’arte del principali musei italiani – che animeranno il profilo Instagram di @Museitaliani, cuore pulsante della campagna promossa su tutti i social network del Mibact e dei musei statali. È rivolto a tutti l’invito a catturare, con l’obiettivo del proprio smartphone o della propria reflex, le icone femminili nelle diverse forme d’arte, rilanciandole poi sul web e condividendole. Scopo dichiarato dal Ministero è una invasione social con opere da tutta Italia, seguendo un filo rosso che unisce, nella bellezza, le straordinarie collezioni statali.

1488371311792_4_Napoli-MANLa Festa internazionale delle donne è anche occasione per raddoppiare l’appuntamento mensile  con le aperture gratuite dei luoghi della cultura statali. Torna, il 5 marzo, la prima domenica del mese con ingresso libero nei musei e nei siti archeologici sotto l’indiretta curatela del ministro Franceschini. All’iniziativa, sfida lanciata nel 2014 e vinta già oggi con 8 milioni di presenze, si aggiunge, nella giornata dell’8 marzo, l’ingresso gratuito per le donne nei luoghi della cultura targati Mibact.

1488371595709_13_Firenze-accademiaDal momento, inoltre, che il Ministro è riuscito a strappare una proroga di tre mesi per CINEMA2DAY, perché non chiudere la giornata con la visione di un’ultima uscita cinematografica a soli 2 euro? Il rinnovato accordo con produttori, distributori ed esercenti del mondo del cinema permette ancora di scegliere tra 3 mila sale italiane nel secondo mercoledì del mese, che a marzo cade proprio in corrispondenza del giorno dedicato alle donne. Regalatele una mimosa, ma anche una bella serata al cinema!

Camilla Cipolla

Share This Article

Related News

La “Grande Maternità” donata alla Galleria Nazionale di Cosenza
Noir pop e raffinatezza, dal 18 al 28 ottobre al via la XII Festa del Cinema di Roma
Quando Buffalo Bill fu battuto da un buttero cisternese

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *