Tuesday, Aug. 21, 2018

A Paestum dalla Tomba del Tuffatore una mostra sull’Immagine Invisibile

Written By:

|

luglio 22, 2018

|

Posted In:

A Paestum dalla Tomba del Tuffatore una mostra sull’Immagine Invisibile
Che succede se un’immagine dipinta 2500 fa per non essere più vista irrompe in una tradizione moderna di antichistica e di rivisitazione dell’antico per la quale essere comprensibile equivale a essere visibile? Ce lo svela la mostra di Paestum “L’immagine invisibile”, ricca di  circa 50 opere provenienti da 19 Musei e Fondazioni e aperta fino al 7 ottobre. E’ un percorso di 300 anni di scoperte archeologiche e riletture dell’antico che spiegano perché la Tomba del Tuffatore non si spiega.
 
 
Sin dalla sua scoperta, nel 1968, la tomba del Tuffatore sta al centro di un dibattito scientifico molto controverso e acceso. L’interpretazione dell’immagine del giovane che si tuffa nell’acqua rimane un rompicapo che fa discutere anche gli esperti del settore: è semplicemente una visione edonistica della vita e della morte? O qualcosa di più, forse un messaggio misterico, ispirato a culti iniziatici legati ad Orfeo e Dioniso? E le difficoltà nella lettura dell’immagine del Tuffatore si spiegano forse con il fatto che essa era “invisibile”, in quanto collocata all’interno di una tomba buia, chiusa per l’eternità? Insomma, possiamo pretendere di leggere e comprendere un’immagine che non era fatta per essere guardata?
 
La mostra a Paestum non pretende di risolvere tutte queste questioni. Per questo, non è una mostra tradizionale che vuole dare risposte, ma piuttosto una “anti-mostra” che vuole porre delle domande, mettendo i visitatori nella condizione di partecipare al dibattito e di coglierne i motivi.
Il percorso segue le scoperte archeologiche che sin dal Settecento hanno segnato la ricerca sui culti misterici antichi, con tanto di fraintendimenti e impostazioni ideologiche. Lo fa mettendo in mostra alcune delle scoperte più clamorose sul tema in Magna Grecia, come le laminette d’oro con testi “orfici” da Thurii e Vibo Valentia, la tomba delle danzatrici da Ruvo, conservata presso il Museo Archeologico di Napoli, o i vasi funebri con raffigurazioni di Orfeo da Matera, Paestum e Napoli.
Ma lo fa anche esplorando il contesto storico-culturale in cui queste scoperte sono avvenute. Dalle visioni edonistiche settecentesche del mondo di Bacco si passa alle danzatrici caste e al tempo stesso sensuali di Canova per arrivare alle visioni novecentesche, altamente ambigue, di Corrado Cagli e De Chirico.
Solo attraverso questo racconto del “contemporaneo” – così l’ipotesi di fondo dei curatori – si riesce a comprendere pienamente le motivazioni di una controversia che, forse, più degli antichi, riguarda noi oggi. E che ha fatto sì che, nel momento della scoperta, la tomba del Tuffatore, abbia suscitato non solo una controversia scientifica molto accesa, ma abbia anche ispirato, più che ogni altra immagine antica, scrittori e artisti contemporanei, come l’artista napoletano Carlo Alfano la cui opera “Il Tuffatore”, allestita (nel 1972) vis-à-vis con la Tomba del Tuffatore nel Museo di Paestum, viene rivalorizzata in occasione della mostra, quale espressione esemplare del rapporto tra presente e passato.
 
La mostra è stata realizzata con il contributo della Regione Campania – Fondi POC 14-20.
 
Indicazioni utili
 
Data Fine: 7 ottobre 2018 
Costo del biglietto: € 9,50; Ridotto: € 4,75 ingresso alla mostra, al museo e all’area archeologica Gratuito per chi ha meno di 18 anni. L’ingresso alla mostra è incluso nell’abbonamento PaestumMia; Riduzioni: Previste dalla legge; Per informazioni +39 0828722654 
Prenotazione:Nessuna 
Luogo: Capaccio, Parco Archeologico di Paestum – Museo archeologico nazionale 
Orario: dalle 8.30 alle 19.30 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 18:50) 1° e 3° lunedì del mese dalle 8.30 alle 13.40 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 13.00) 
Telefono: +39 0828811023 
E-mail: pae.promozione@beniculturali.it 

Share This Article

Related News

Locri, festival del teatro classico nel Parco Archeologico tra mito e storia
Sul Tevere l’ultimo mistero di Roma Antica: marmi e tombe a Ponte Milvio

About Author

La Voce della Bellezza

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *